start-up fairbnb logo

FairBnb – la community del turismo sostenibile

Se da un lato la possibilità di affitti turistici a breve termine si pone come un grandissimo vantaggio per quelle persone in cerca di esperienze uniche a prezzi abbordabili, dall’altro lato causa spesso l’aumento dei prezzi d’affitto o di compravendita degli immobili, soprattutto nelle città di grandi dimensioni o maggiormente frequentate. 

In Italia è ormai noto il caso di Bologna dove a causa degli affitti brevi ormai è diventato davvero difficile, soprattutto per gli studenti universitari, trovare un alloggio a medio termine.

Purtroppo non sempre il turismo si riesce ad adeguare in maniera efficiente alle necessità delle comunità locali.

Per prima cosa è importante sottolineare che FairBnb è una comunità online di attivisti, creativi, programmatori e ricercatori che si è posta l’obiettivo di affrontare una sfida che per molti era già considerata persa. 

Fairbnb si vuole caratterizzare come alternativa ai soliti e più blasonati portali, dando modo di valorizzare le comunità ospitanti anteponendo però l’esperienza al profitto. Questo avviene ponendo al centro i valori della sharing economy, dove entrambi i soggetti in questione, turisti e locali, possano trarre vantaggio da questo tipo di rapporto.

Il vero valore non rimane più univoco, ma bensì permette un ampio respiro da ambo i lati.

Sono quattro i principi di questa community: 

  • compartecipazione, 
  • governance democratica, 
  • sostenibilità social, 
  • trasparenza e responsabilità. 

Vi consigliamo vivamente di dare un’occhiata a questo progetto ambizioso, ma davvero necessario se si vuole preservare la vera anima della sharing economy nel settore travel.